I 30 giovani sconosciuti che diventavano delle leggende assolute in Championship Manager 2001-02

27 Maggio 2020

18. Vitaliy VOLODENKOV (Dinamo Minsk)

La Bielorussia basa la sua economia sull’industria mineraria. Dati alla mano, anche la Dinamo Minsk non si discosta granché da questa regola aurea. E, a quanto pare, piuttosto che estrarre carbone, la Dinamo ha scoperto un filone di talenti che sembra non aver mai fine. Si spiega così la segnalazione di Vitaliy Volodenkov, venticinquenne che svaria dalla linea mediana a quella d’attacco indifferentemente da destra a sinistra. Può venir via per un pugno di noccioline. E allora, accattatevill’, no?

17. Pawel BROZEK (Wisla Cracovia)

Digitando Brozek sul motore di ricerca di Championship Manager avrete due risultati: entrambi giocano con il Wisla Cracovia ed entrambi hanno diciotto anni, ma uno si chiama Pawel e l’altro Piotr. Mentre Paolo, il primo, è un attaccante da impiegare indifferentemente a destra o al centro, Pietro si limita a presidiare la fascia sinistra del centrocampo. Complementari sì, ma il primo sembra esser stato toccato da una maggior dose di talento. Suggeriamo l’acquisto in pacchetto, ma se proprio siete presi da un dubbio amletico, meglio andare su Pawel. Provare per credere.

16. Stefan SELAKOVIC (Halmstads BK)

Per la serie “risparmia e comparisci” – adagio squisitamente meridionale ad indicare un’operazione dall’esiguo esborso a cui fa da eco un’alta resa – eccoci arrivati al centrocampista offensivo dell’Halmstads BK. La penisola scandinava è attraversata da una nervatura di talenti che dissemina piccoli, grandi fenomeni in giro per il Paese ed il ventiquattrenne non è da meno. Ottime le sue caratteristiche tecniche e fisiche che consentono a chi vuol intraprendere un’avventura con un club non particolarmente ricco, di assicurarsi un buon elemento senza minare il budget societario.