Volo diretto Montevideo-Cagliari. I calciatori uruguaiani che hanno vestito la maglia dei sardi

14 Ottobre 2020

Diego Luiz LOPEZ

Difensore aggressivo e tenace, abile nel gioco aereo e incubo per gli attaccanti avversari, ha legato la sua intera carriera (o quasi) al Cagliari. Giunto in Italia nel 1998, ha vissuto in terra sarda dodici esaltanti stagioni tra Serie A e B, divenendo bandiera e simbolo della squadra, prima di intraprendere la carriera da allenatore. Ovviamente sulla panchina del Cagliari.

Nelson ABEIJON

Il Guerriero, durante la sua lunga carriera, ha abbracciato per due volte la Sardegna, creando un legame indissolubile e duraturo con i tifosi del Cagliari. Mediano puro che, a causa della sua incostanza negli allenamenti, non ha forse raggiunto i traguardi che meritava. In maglia rossoblù, complessivamente, 117 presenze e dodici reti. 

Walter Horacio PERALTA

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è 2629.jpg

Parentesi cagliaritana anche per Peralta, nella stagione 2004-05. Centrocampista dalla notevole tecnica individuale, che però non ha saputo imporsi nel nostro campionato, costruendo altrove la sua lunga carriera.

Joe Emerson BIZERA

Possente difensore, approda a Cagliari nel 2005 dopo essersi messo in evidenza con la maglia del Penarol. Maestro del gioco aereo e ruvido nei contrasti, tanto da conquistarsi il soprannome di Macellaio, non trova tuttavia molto spazio e nel 2008, dopo quaranta presenze in rossoblù, lascia per sempre la Sardegna e l’Italia.

Hector Fabian CARINI

Secondo o terzo portiere di massima affidabilità, che nel 2007 vinse lo Scudetto con l’Inter senza tuttavia essere mai stato convocato. A Cagliari una parentesi nel 2005-06, con otto gettoni in campionato ed un ruolo fondamentale di trascinatore all’interno di uno spogliatoio non semplicissimo. Dopo un’esperienza in Spagna tornerà in Sud America per giocarsi le sue chance da portiere titolare.