I 30 giovani sconosciuti che diventavano delle leggende assolute in Championship Manager 2001-02

27 Maggio 2020

24. Giacomo CIPRIANI (Bologna)

Ha soltanto vent’anni, ma ormai il suo profilo è quello di un calciatore esperto. Presentarsi alla prima sfida da titolare in Coppa UEFA e finire sul tabellino dei marcatori con una staffilata da quasi trenta metri non è certamente da tutti. Ed è per questo che il suo nome finisce puntualmente sui taccuini dei milioni di manager fatti in casa che si dilettano a mettersi alla prova su Scudetto. Cresce come una bella orchidea man mano che si va avanti con le stagioni: un corazziere d’area di rigore.

23. Antonis VOULGARIS (Apollon Atene)

Atene non è solo Partenone. Così come non è solo Olympiakos. Infatti c’è anche piazza Sintagma. E in Serie B c’è l’Apollon. In nome della diversificazione e dell’ottimizzazione, vi suggeriamo caldamente il profilo dell’estremo difensore diciannovenne che verrà via per il proverbiale pugno di noccioline, assicurandovi una crescita congrua nel giro di pochissimo tempo. Continua e coinvolgente, proprio come un sirtaki.

22. Tieme KLOMPE (Heerenveen)

Ha ventidue anni questo olandesone che gioca con l’Heerenveen. Klompe è il più promettente dei Trots van het Noorden. Che per i poco avvezzi all’idioma dei Paesi Bassi vuol dire l’Orgoglio del Nord. E allora Tieme può sfiorare vette cosmiche d’orgoglio se parametrato alla sua giovane età ed alla qualità espressa in campo. Perché se andate alla ricerca di un buon difensore centrale con oltre cento presenze in campionato, qui si vince facile.