I 30 giovani sconosciuti che diventavano delle leggende assolute in Championship Manager 2001-02

27 Maggio 2020

21. Kennedy BAKIRCIOGLÜ (Hammarby IF)

Il cognome tradisce origini turche, tuttavia Kennedy è svedese come il gravlax, che non è un farmaco, ma un piatto a base di salmone. Eccome. E infatti gioca nell’Hammarby IF ed ha già vestito la casacca della Blågult. Bakircioglü, infatti, si disimpegna sui campi dell’Allsvenskan ormai da tre anni, nonostante ne abbia solo venti. Centrocampo o attacco, a destra o al centro, con lui si va decisamente sul sicuro. Volete fare un investimento in corone svedesi? Esaminate con attenzione il suo caso, poi ne riparliamo.

20. Fredrik RISP (IFK Göteborg)

Un pilone difensivo di quasi un metro e novanta che a vent’anni rappresenta già una sicurezza dell’IFK Göteborg, una delle squadre più titolate della Svezia. Con un simile pedigree è difficile resistere alla tentazione di allargare i cordoni del borsone per un acquisto sicuro ad un prezzo modesto. L’auspicio è quello di non esser passati per dei tele-promotori.

19. Alexander FARNERUD (Landskrona BOIS)

Possiamo ben supporre che la città svedese di Landskrona non sia propriamente nell’immaginario di una comunità basata sul gioco del pallone. Tuttavia, è bene ricredersi guardando ad uno dei suoi “figli” prediletti: Alexander Farnerud. Che in famiglia ci sappiano fare è testimoniato dal fatto che suo fratello maggiore Pontus gioca nel Monaco già da tre anni. Mentre quest’ultimo si disimpegna in difesa, Alexander svaria su tutto il fronte d’attacco ed i suoi diciassette anni gli consentono di pensare in grande.