I 30 giovani sconosciuti che diventavano delle leggende assolute in Championship Manager 2001-02

27 Maggio 2020

15. Ibrahim SAID (Al Ahly)

Volete Hofland? Eh sì, troppo facile. E comunque pochi sono i budget dei club che vi permetterebbero di assicurarvi questo fenomeno che gioca nel PSV Eindhoven. Volete un van Gogh? Non fate i difficilotti ed accontentatevi di una sua litografia. Se non è pari la dignità, almeno la resa sulla parete è similare. E allora ben vengano profili come quello dell’egiziano Ibrahim Said che fa lo slalom tra la sabbia e le piramidi e regge sulle sue spalle tutte le fortune della Juventus d’Egitto. E poi con due miliardi fate un affarone!

14. To MADEIRA (Gouveia)

Stando agli sviluppatori di Scudetto, sulle colline portoghesi, in un club che si faticherebbe a trovare nel pur non popolatissimo panorama del calcio lusitano, c’è uno dei giocatori più “carismatici” al mondo. D’altronde, quel “20” parla chiaro. Oltre lui, solo le stelle. Per questo consigliamo vivamente il suo acquisto qualora vi trovasse alle vostre dipendenze dei giocatori che non brillano particolarmente per carattere o, più semplicemente, se siete alla ricerca di un leader che faccia tanti gol e vi faccia ben felici.

13. Mark BYRNES (Parramatta Powers)

Viene dall’Australia, ma non gioca a rugby, né va sul surf. Gioca però nel Parramatta Powers ed ovunque lo metterete in difesa lui ci starà senza alcun indugio. Questa captatio benevolentiae non voluta nei riguardi di Mark Byrnes è quantomeno tollerabile se si è alla ricerca di un giocatore che, nonostante la giovane età, possa dare grandissime soddisfazioni in luogo di un modesto esborso di danaro. Quel che, senza le quattro righe precedenti, un tempo si sarebbe descritto come jolly.