Privacy Policy I trenta giocatori che hanno “movimentato” più miliardi negli anni ’90

I trenta giocatori che hanno “movimentato” più miliardi negli anni ’90

25 Agosto 2021

Ai giorni d’oggi, le cifre di mercato sembrano aver raggiunto delle vette che fino a qualche anno fa erano impensabili, forse anche in maniera esagerata. Niente a che vedere con le somme sborsate dai proprietari delle squadre qualche decennio fa: pensate che uno come Luis Nazario de Lima, meglio noto come Ronaldo, dopo essere esploso anche nel calcio europeo con la maglia del PSV Eindhoven, fu acquistato dal Barcellona per una cifra che corrisponde a poco meno di trenta miliardi di lire, ossia quindici milioni di euro.

Ciò che vogliamo proporvi oggi è la lista dei trenta calciatori che più degli altri hanno fatto girare l’economia dell’azienda calcio negli anni Novanta. Quanto sono costati calciatori come Christian Vieri, Hristo Stoichkov o Juan Sebastian Veron, per le squadre che ne hanno acquistato i cartellini? Oggi, tra le altre cose, ricorre il cinquantaquattresimo compleanno di David Platt, l’attaccante inglese che quasi ogni estate cambiava casacca, facendo sborsare alle società che lo acquistavano diversi miliardi. Sarà lui il primo in questa speciale classifica? Vediamo …  

30. Augustine Jay Jay OKOCHA – 30.7 miliardi

Una delle punte di diamante di quella Nigeria che stregò tutti alle Olimpiadi di Atlanta ’96, il nigeriano classe 1973 allora giocava nell’Eintracht Francoforte. Dopo i giochi olimpici partì una mini-asta per il ragazzo, che fu vinta dal Fenerbahçe: la società turca acquistò il talentuoso Okocha per 6.7 miliardi. Dopo due convincenti anni vissuti a Istanbul, fu il Paris Saint Germain ad acquistarlo nell’estate del 1998, per 24 miliardi: nella capitale francese, Okocha continuò a regalare grandi dribbling e ottime giocate, stregando il pubblico parigino.

29. Gianluca VIALLI – 30.9 miliardi

Cresciuto nella Cremonese, Gianluca Vialli viene trasferito alla Sampdoria nell’estate del 1984. Vivrà gli anni più belli della storia del club blucerchiato, vincendo uno scudetto, tre Coppe Italia e una Coppa delle Coppe. Nel 1992, la Juventus lo acquista per 30.9 miliardi circa, cifra che all’epoca significava record assoluto per un trasferimento di un giocatore di calcio. Con la maglia della Vecchia Signora vincerà anche una Champions League, nel 1996. Un anno dopo verrà ceduto al Chelsea, dove terminerà una gloriosa carriera.

28. Davor SUKER – 31.7 miliardi

Alcuni avranno conosciuto Suker solo ai mondiali di Francia ’98, dove il croato vinse il titolo personale di capocannoniere del torneo. In realtà, non si trattò di un exploit inatteso: Davor, infatti, segnava già da anni in Europa. Il croato esplose a Siviglia – club che, già all’epoca, dimostrava di saper scovare ottimi talenti – e nel 1996 fu acquistato dal Real Madrid per 21.2 miliardi. Con la camiseta blanca, Suker vincerà una Liga, una Supercoppa spagnola e una Champions League. Dopo l’estate dei mondiali si trasferì all’Arsenal per 10.4 miliardi. 

27. Hristo STOICHKOV – 31.7 miliardi

Gli anni Novanta sono stati anche gli anni del grande Stoichkov: il bulgaro, amato da Joann Crujff, viene chiamato al Barcellona nell’estate del 1990. Con la maglia blaugrana vince la Coppa dei Campioni nel 1992 – la finale giocata a Wembley, contro la Sampdoria – e il Pallone d’Oro nel 1994. Nel 1995 passa al Parma, dove vive una stagione con poche luci e tante ombre, andando comunque a segno per sette volte in trenta partite. L’anno seguente, il Barcellona lo richiama, per formare una coppia dal potenziale infinito, con un talento brasiliano che proprio al Barça stava diventando il Fenomeno: Ronaldo.

26. Ousmane DABO – 32.9 miliardi

Credits: Claudio Villa /Allsport

Il francese ha vissuto gran parte della sua carriera nella nostra Serie A. Cresciuto nel Rennes, il centrocampista dall’ottimo potenziale fu scoperto da Massimo Moratti, che lo portò a Milano nel 1998 sborsando tre miliardi, quando ancora aveva ventuno anni. Dopo una parentesi in prestito al Vicenza, Dabo confermerà il suo talento nella prima parte della stagione successiva con la maglia nerazzurra, tanto che a gennaio, il Parma di Tanzi lo acquisterà per poco meno di 30 miliardi.