Caduta e rinascita del Giglio: i protagonisti della Florentia Viola

25 Maggio 2020

BISMARK Ekye

Il ghanese Bismark ha timbrato per undici volte il cartellino, segnando un gol

Il beniamino dei tifosi. Il ghanese Bismark viene acquistato nella sessione invernale del mercato, dall’Aglianese. Il ghanese impiegò poche settimane per diventare il nuovo pupillo del Franchi, dopo lo splendido gol segnato a Rimini, nella partita della svolta che la Florentia Viola vinse per 0-2, lanciando la fuga definitiva su tutte le dirette concorrenti. Il ragazzo vanta anche tre presenze in Coppa UEFA: ha infatti giocato tre delle quattro partite dei turni preliminari con il Vaduz, squadra in cui si trasferì nel 2004. Bismark, tuttavia, non riuscì mai ad affermarsi nel calcio che conta. Abbandona il pallone nel 2010.

Martino TRAVERSA

Martino Traversa ha messo insieme ventotto presenze all’Artemio Franchi con una rete

Traversa fu un altro solido acquisto concretizzato dalla famiglia Della Valle. Il pugliese classe 1974 vantava già molte presenze in A, con le maglie di Bologna, Perugia e Lecce. Nel 1991 debuttò con il Bologna in Coppa UEFA, diventando, a diciassette anni e un mese, il più giovane italiano ad entrare in campo nella competizione. Capace di giocare sia sul lato sinistro che su quello destro della difesa, Traversa disputò ventidue ottime partite in C2 con la Florentia Viola, prima di essere ceduto, l’anno successivo, a Martina. Adesso fa il viceallenatore del Molfetta, squadra di Eccellenza.

Manuele GUZZO

Manuele Guzzo esulta dopo la conquista della promozione

Fiorentino DOC, Guzzo ha l’onore di vestire i colori della sua città nel 2002-03. Acquistato dal Cosenza, il poliedrico difensore giocherà ventidue incontri con la casacca gigliata. L’anno successivo, in Serie B, rimane in viola fino a gennaio: il ragazzo giocherà un solo minuto nella partita di Napoli (2-2), essendo subentrato a Di Livio all’89’ minuto di gioco. In cerca di spazio, verrà ceduto alla Lodigiani (in Serie C1) un mese dopo. Chiude la carriera a Lammari, in Eccellenza toscana, nel 2012. 

Michelangelo MINIERI

Cresciuto nel vivaio della Lazio, Michelangelo Minieri ha giocato ventidue partite con la Viola

Giovane di buone prospettive, Minieri è uno dei migliori prospetti della Florentia Viola. Si afferma presto nella difesa gigliata, disputando ventidue incontri corretti, sotto l’ala del più esperto Ripa, difensore da cui imparerà molto. L’anno seguente la Fiorentina sceglie l’esperienza e i valori sicuri, e il giovane Minieri viene ceduto alla Triestina (sempre in Serie B), dove gioca un ottimo campionato. Nella stagione 2006-07, con la maglia dell’Ascoli, prenderà parte a diciannove partite di Serie A. Chiude la carriera nel 2012, a Vicenza. Adesso è agente di 64 giocatori, tra cui Castrovilli, Kouamé, Gabbiadini e Bonifazi. 

Carlo CHERUBINI

Carlo Cherubini a colloquio con Roberto Ripa: per lui ventitré presenze complessive fra Serie C2 e cadetteria

Il difensore romano arriva a Firenze dalla Salernitana, dopo due anni e mezzo in Serie B in cui collezionò ventisette presenze. Terzino sinistro, Cherubini viene acquistato nella sessione invernale del mercato: dal suo arrivo, giocherà quasi tutta la seconda parte di stagione di Serie C2, contribuendo alla promozione. L’anno successivo fu confermato nella rosa che disputerà la Serie B, campionato in cui collezionerà dodici presenze. Chiuderà la carriera al Portogruaro, in Serie C1, senza aver mai debuttato in Serie A.