Tutte le rose del Mondiale Under-20 del 2005: la rosa dell’Italia era obiettivamente imbarazzante

2 Giugno 2020

OLANDA

Gli Oranje partecipano di diritto in quanto Paese ospitante. Sul fatto che il calcio olandese punti decisamente sui giovani non ci sono dubbi, tanto molti giocatori su scala globale transitano dai Paesi Bassi prima di consacrarsi in un grande club. L’Under 20 del 2005 rispecchia questa filosofia perché, nonostante la mancanza di fenomeni, spazza via ogni avversario che si trova di fronte mandando in visibilio il pubblico di casa. Ed è così che gli Oranje passano il girone a punteggio pieno e battono 3-0 il Cile agli ottavi: quattro vittorie su quattro, nove gol fatti e uno solo subito. Il sogno olandese si spegne dopo una serie infiniti di rigori contro la Nigeria, che poi arriverà sino in finale.

Tra i protagonisti di quell’Under 20 olandese ci sono Emanuelson, Maduro e Babel: giocatori che avranno una buona carriera, sia chiaro, ma con un palmares scarno. Su tutte, però, la promessa incompiuta per eccellenza sarà quella di Ibrahim Afellay, ala capace di stregare i dirigenti del Barcellona con le sue giocate nel PSV, ma che in maglia blaugrana – anche a causa di un grave infortunio al ginocchio – non lascia per niente il segno.

Rosa Olanda

Portieri: Theo Brack, Job Bulters, Kenneth Vermeer

Difensori: Jeroen Drost, Urby Emanuelson, Mark Otten, Dwight Tiendalli, Frank van der Struijk, Ron Vlaar

Centrocampisti: Ibrahim Afellay, Kemy Agustien, Rick Kruys, Hedwiges Maduro, Haris Medunjanin, Gianni Zuiverloon

Attaccanti: Ryan Babel, Collins John, Quincy Owusu-Abeyie, Prince Rajcomar, Tim Vincken, Arjan Wisse

PANAMA

Tre sconfitte in tre partite, due gol fatti e otto subiti. Si riassume così il mondiale Under 20 olandese di Panama. Una delle tre squadre – le altre sono Honduras ed Egitto – che chiuderanno a zero punti il torneo.

Rosa Panama

Portieri: José Calderón, Eric Hughes, Iván Rodríguez

Difensori: Tomas Dunn, Armando Gun, Eduardo Jiménez, Román Torres, José Venegas

Centrocampisti: Reggie Arosemena, David Arrue, Ricardo Buitrago, Miguel Castillo, Luis Gallardo, Hanamell Hill, Raul Loo, Celso Polo, Eduardo Ponce, Christian Vega

Attaccanti: Edwin Aguilar, Mario Duarte, Álvaro Salazar

SIRIA

La nazionale siriana conquista a sorpresa il secondo posto del girone e, di conseguenza, l’accesso agli ottavi, a discapito dell’Italia. È proprio la vittoria con gli azzurrini che cambia le carte in tavola nel gruppo E, costringendoci a sperare nel ripescaggio. La Siria esce col Brasile per via di un rigore realizzato da Rafinha, ma lo fa a testa alta, rendendo orgogliosa una terra che, da lì a poco, dimenticherà la gioia di una partita di pallone.

Rosa Siria

Portieri: Adnan Al Hafez, Ali Al Holami, Moustafa Shakosh

Difensori: Hamzeh Al Aitoni, Zakariya Al Kaddour, Hassan Al Mostafa, Abdulkader Dakka, Abdulhadi Khalaf, Salah Shahrour

Centrocampisti: Jalal Al Abdi, Abdelrazaq Al Hussain, Safir Alatasi, Aatef Jenyat, Meaataz Kailouni, Samer Nahlous, Mahmoud Ossi, Burhan Sahiwni

Attaccanti: Mohammad Al Damen, Majed Al Haj, Mohamad Hamwi, Ahmad Dily Hassan

SPAGNA

Le Furie Rosse Under 20 che si ammirano nei Paesi Bassi sono quelle che da lì a pochi anni domineranno il calcio europeo e mondiale. Il tasso tecnico è già sopra la media, ma la rivoluzione tiki-taka che permetterà di farlo rendere al massimo è ancora in cantiere. In difesa c’è gente come Albiol e Juanfran, più avanti Cesc Fabregas e David Silva – quest’ultimo, particolarmente ispirato, realizzerà addirittura quattro reti – in attacco un disarmante ventenne capace di fare reparto da solo: Fernando Llorente. I cinque gol del centravanti spagnolo però non permetteranno di andare oltre i quarti: l’Albiceleste si dimostra davvero insuperabile.

Rosa Spagna

Portieri: Biel Ribas, Manu Fernández, Roberto

Difensori: Agus, Alexis, Javi Chica, Javi Garrido, José Enrique, Molinero, Raúl Albiol, Robusté

Centrocampisti: Cesc Fàbregas, David Silva, Gavilán, Juanfran, Markel Bergara, Zapater

Attaccanti: Braulio, Jonathan Soriano, Llorente, Víctor Casadesús