Bayern Monaco-Psg: e se avessero giocato contro 20 anni fa?

7 Aprile 2021

Marcos Andrè Batista Santos VAMPETA

Dopo le buone stagioni in Olanda nelle fila del PSV e in patria nel Corinthians, Vampeta viene acquistato nel 2000 dall’Inter per circa 30 miliardi di lire. In nerazzuro non riesce a ripetere le buone annate precedenti, tanto da convincere la dirigenza interista a cederlo già a gennaio al PSG, ma anche in Francia non fornisce prestazioni convincenti, mettendo insieme solo sette presenze e dando l’addio dopo qualche mese per fare ritorno in Brasile.

Igor YANOVSKI

Il russo classe ‘74 veste la maglia del PSG per tre stagioni dal ‘98 al 2001, collezionando poco più di 70 presenze prima di trasferirsi al CSKA Mosca. Conta anche trentadue gettoni con la sua nazionale, con cui partecipa ad Euro ‘96, andando in rete in un’occasione.

Nicolas ANELKA

L’attaccante transalpino fa il suo esordio tra i professionisti proprio con il Paris Saint Germain a soli sedici anni, infilando dieci presenze e un gol nella stagione 1996/97. Dopo tre stagioni tra Arsenal e Real Madrid torna a Parigi nell’estate del 2000, dove in due anni scende in campo per 36 volte, venendo spesso escluso dall’allenatore. Nel prosieguo della sua carriera gioca in diversi club tra Inghilterra, Turchia, Cina, Italia e Brasile.

CHRISTIAN Correa Dionisio

Attaccante d’area di rigore, campione d’America con il Brasile nel 1999. Il PSG gli affida le chiavi dell’attacco nel biennio 1999 – 2001, Christian risponde con venti reti in 53 presenze, ma diverse prestazioni poco convincenti convincono la dirigenza parigina a cederlo al Bordeaux nel gennaio 2001.

Laurent LEROY

Nonostante la pronuncia del suo cognome equivalga ad un appellativo reale, l’attaccante francese non riesce a dare un contributo sufficientemente all’altezza nelle sue cinque stagioni nella capitale transalpina. 18 i gol totali sotto la Tour Eiffel, di cui sei in competizioni europee.

Mickael MADAR

Tra i convocati della nazionale francese per l’europeo in Inghilterra, Madar arriva al Paris Saint Germain nel crepuscolo della sua carriera. Vi resterà per tre stagioni, in cui colleziona una quarantina di presenze condite da dodici realizzazioni.

Allenatore: Luis FERNANDEZ

Campione d’Europa da giocatore con la Francia nel 1984, da allenatore conduce il Paris Saint Germain alla vittoria della maggior parte dei trofei vinti dai parigini negli anni novanta. Siede, tra le altre, nelle panchine spagnole di Athletic Bilbao, Español e Betis.

Federico Chinghine