La Lazio 1993-94: l’anticamera dei successi biancocelesti

1 Marzo 2021

Attaccanti

Pierluigi CASIRAGHI

Iniziando a parlare di attaccanti, non potevamo partire da nessun altro. Gigi “Tyson” Casiraghi, arriva alla Lazio nell’estate del 1993 dalla Juventus in prestito con diritto di riscatto per un totale di circa 12 miliardi di lire. A lui la pesante eredità di Karl-Heinz Riedle, eredità che Gigi raccoglie e non farà mai rimpiangere, affermandosi subito come la spalla ideale di Giuseppe Signori nell’attacco biancoceleste. Bottino magro il suo, ma il lavoro per la squadra è tanto e fuori da ogni discussione.

Giuseppe SIGNORI

“Segna sempre lui”, d’altronde voi cosa direste ad uno che segna ventitré reti in ventiquattro partite. Stiamo parlando naturalmente di sua Maestà, Giuseppe Signori, numero 11 sulle spalle, ed una costante spina nel fianco per le difese di tutta Italia. Se a Casiraghi spettava l’eredità di Riedle, a Signori spettò quella di Ruben Sosa. Già dal primo anno Signori fece addirittura meglio dell’uruguaiano conquistando lo scettro di Re dei bomber e ripetendosi anche nella stagione successiva con la sbalorditiva media di quasi un gol a partita.